Le Canzoni Milanesi dAutore

 

 

Canzoni Popolari Milanesi

Traduzioni di Brassens

 

 

*Gli anni Trenta

*Gli anni Settanta - Ottanta

*Dagli anni Novanta al 2000

 

 

 

Gli anni Sessanta

 

 

 

Per quel vizi

La ballada del pittor

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per quel vizi

 

questa l'odissea di Giovanni detto il Coppi

per quel vizi che a vottant'ann

el gha de corregh adree ai tosann

 

veloce pedalava il suo triciclo verde e rosso

s'el sonava el campanell

ghe pareva de vess bell.

 

Guidava il suo triciclo da Sesto alla Bovisa

trasporto di rottami di ferro latta e ghisa

ma un giorno che una bionda gli attravers la strada

mi pianti ch el triciclo me ne freghi e ghe voo adree

per quel vizi che a vottant'ann

el gha de corregh adree ai tosann.

 

ma quando torn indietro il suo triciclo era sparito

per quel vizi che a vottant'ann

el gha de corregh adree ai tosann.

 

essendo che i tricicli in de per lor van minga via

certament un quaj sbarbaa

l'ha sconduu o se l' grattaa.

 

Un giorno che giocava a bocce col Pierino

il rigolo tirava la boccia sul pallino

pass di l una bionda vestita di organzino

ghe pienti ona sbucciada me ne freghi e ghe voo a dr.

per quel vizi che a vottant'ann

el gha de corregh adree ai tosann

 

la boccia and a finire sulla faccia di Pierino

per quel vizi che a vottant'ann

el gha de corregh adree ai tosann

 

l' andada gnanca mal gh'an daa vtt punt in c al Pierino

l per grazia del Signor l' sta pcch a S. Vittor.

 

Un giorno al quarto piano puliva una ringhiera

doveva verniciarla per quella stessa sera

si vide passar sotto una bionda capinera

la gha ona quaj scurlera me ne freghi e ghe voo adree;

per quel vizi che a vottant'ann

el gha de corregh adree ai tosann

 

si sporse forse troppo e cadde secco nella via

per quel vizi che a vottant'ann

el gha de corregh adree ai tosann

 

la salma l'han composta in via Luigi Mangiagalli

l'han miss fina sul giornal

quanti dnn al funeral.

 

And su in Paradiso dov'era sempre festa

i Santi col sorriso scuotevano la testa

pass una nuvoletta con una donna bionda

faccino da merenda quasi quasi ghe voo adree

 

per quel vizi che a vottant'ann

el gha de corregh adree ai tosann

 

Ma mentre l'inseguiva all'improvvis l'ha sentii un rombo

Giovannin sta minga a corr l' la mamma del Signor

 

ma l'era troppo tardi per fermas ohei che scentrada!

l'ha sentii rivaa un sgiaffon

e l' borlaa in del calderon.

 

Laggi tra il fuoco eterno tra forche e tanta paglia

Giovanni rincorreva le bionde in calzamaglia

ma quando stava quasi per prenderle al suo laccio

veniva un diavolaccio el ghe diseva col forcon.

 

Giovannin a vottant'ann

se po n tocc i tosann.

 

Quel che parla l' Belzeb

te convegn toccaghi p.

Torna allinizio

 

 

 

 

La ballada del pittor

 

Uoh uoh uoh ...

. . . . . . . . .

 

El stava semper sul canton

el ghe parlava mai a nissun

lu l pitturava mattina a sera

madnn sul marciapee

ie pitturava l in su la strada

per tir s on quaj dan.

 

Diseven tucc come se fa

a f madnn tutt spetasciaa

ma quand passaven ghe regalaven

semper un quaj cent franc

e poeu giraven oppur saltaven

prima de tir innanz.

 

Uoh uoh uoh ...

. . . . . . . . . .

 

On d che gh'era confusion

gh'era l mercaa fin sul canton

l' passaa on ghisa cont i scarponi

e'1 gh'ha schisciaa i madnn.

L l salta s ch'el par una bissa

e'1 ghha vosaa adree: pirlon .

 

Adess gh'han faa cambi canton

l' d'on canton de S. Vittor

in la soa cella l'ha faa 'na pittura

de la crocifission.

El s Ges l' vestii come on ghisa

on ghisa cont i scarpon,

 

Uoh uoh uoh...

Torna allinizio